Grave lutto al Fogolâr Furlan di Lucerna. Ci ha lasciato il Presidente Antonio Steffanon

Un grave lutto ha colpito sabato 7 novembre 2020, la comunità friulana di Lucerna ed i soci del locale Fogolâr Furlan. A causa di una brusca e inattesa crisi cardiaca, ci ha lasciato l’amato presidente del sodalizio Antonio Steffanon, un fedelissimo amico e sostenitore del nostro Ente, che nella città di Lucerna (capitale dell’omonimo Cantone, nonché attivo centro industriale e commerciale sul lago dei Quattro Cantoni) presiedeva il locale Fogolâr Furlan dall’ 8 marzo 2009, dopo aver contribuito nel 1966 alla sua fondazione ed aver ricoperto la carica di vicepresidente per molti anni.

Antonio Steffanon, Presidente del Fogolâr di Lucerna, durante le celebrazioni del 50° anniversario del sodalizio svizzero

Antonio Steffanon era nato a San Vito al Tagliamento (PN) il 13 giugno 1940, ed era emigrato in Svizzera ancora ventenne, il 4 aprile 1961. Nel 1968 aveva sposato, in Olanda, Marina Gouderjaan, e per oltre 44 anni aveva attivamente operato nella zona industriale di Lucerna, presso la ditta “von Moos Stahl AG” di Emmenbrücke, fino a diventare nel 1980 dirigente responsabile del laminatoio.

Sempre vicino ai valori della cultura e delle tradizioni italiane (e friulane in particolare) Antonio Steffanon, dopo il terremoto del 1976, si prodigò immediatamente e attivamente per raccogliere fondi a favore dei “cunfradis” rimasti senza tetto in Friuli.

Da Lucerna ha sempre mantenuto i contatti con il Friuli in diverse attività regionali, difendendo e tutelando in ogni momento, i diritti degli emigrati friulani in Svizzera.

Il 13 giugno di questo 2020, avrebbe dovuto festeggiare alla grande i suoi bei 80 anni, ma a causa del Covid si limitò a una piccola festa nell’amato paese di Ramuscello di Sesto al Reghena, assieme al fratello Italo, ai cugini e alle rispettive famiglie a fine estate quando scese in Friuli per partecipare all’annuale vendemmia di famiglia a Ramuscello: nel paese che tanto amava e dove peraltro, a suo tempo, lasciò un segno perenne della sua esistenza, facendosi promotore della costruzione del campanile della chiesa parrocchiale, che era l’unica parrocchiale della zona priva di torre e di cella campanaria.

Rientrato a Lucerna dopo la sua ultima visita in Friuli, il 21 ottobre scorso Steffanon fu colto da un improvviso malore, che via via peggiorò fino a causargli il decesso. Munito dei conforti religiosi, è  mancato all’affetto dei suoi cari, sabato 7 novembre 2020.

I funerali hanno avuto luogo giovedì 12 novembre, alle ore 15.00, nella chiesa parrocchiale di Ramuscello di Sesto al Reghena. Sulla bara, nel silenzio della chiesa faceva spicco l’amata bandiera del Fogolâr di Lucerna. Quella bandiera, che Antonio Steffanon aveva sorretto per tanto tempo e che ha voluto portare con sé, anche nel cielo del Friuli.

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Ente Friuli nel Mondo non memorizza nessun dato personale dei visitatori. Alcuni dati di navigazione potrebbero essere invece utilizzati da Google Analytics, sempre in forma anonima, e unicamente per scopi statistici. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a salvare questi cookie sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.