I 20 ragazzi del progetto “Studiare in Friuli” in visita alle istituzioni udinesi

E’ stata proprio un’intensa giornata di pubbliche relazioni
quella realizzata lo scorso 29 maggio per tutti i convittori argentini del
“Paolo Diacono” di Cividale iscritti al Progetto “Studiare in Friuli”.

In tale occasione infatti sono state programmate le visite in
successione a Udine presso tre importanti Istituzioni in città, tutte coinvolte
come fondamentali partner del Convitto cividalese nell’attivazione e nello
sviluppo del Progetto stesso, giunto quest’anno alla dodicesima edizione.

Si è iniziato con la visita alla Provincia di Udine dove i
ragazzi, accompagnati dal rettore Cernoia e dal vice rettore Scoyni, sono stati
ricevuti dal Presidente Pietro Fontanini ed hanno avuto la possibilità di
ammirare ed apprezzare lo splendido scenario dei saloni di Palazzo Belgrado,
oltre a conoscere le attività istituzionali che vi si svolgono.

Successivamente il gruppo è stato accolto presso la sede
udinese della Fondazione Crup, Ente che da anni garantisce il suo prezioso
supporto all’iniziativa, ed il cui Presidente Lionello D’Agostini si è sempre
dimostrato vicino al Progetto ed alle vicende degli studenti che vi
partecipano.

Per concludere nel migliore dei modi il programma di visite, il
gruppo ha raggiunto la sede dell’Ente Friuli nel Mondo dove i convittori,
accolti ed intrattenuti da Christian Canciani, che ha portato loro anche il
saluto del Presidente Pittaro, hanno avuto modo di conoscere da vicino le
innumerevoli iniziative che l’Istituzione ha in atto grazie soprattutto ai
contatti con i tanti Fogolârs Furlan sparsi in tutti i continenti e
naturalmente anche nei loro territori d’Argentina.

Ed è proprio attraverso questa collaborazione che presso la
sede dell’Ente è stato attivato un collegamento in videoconferenza durante il
quale i ragazzi hanno avuto la gradita sorpresa di vedere e parlare con alcune
delle loro famiglie, e ricevere i saluti ed i complimenti addirittura dal
Sindaco della città di Avellaneda di Santa Fe, Dionisio Scarpin, e da alcuni
rappresentanti del locale Centro Friulano, tra i quali il Presidente Mario
Bianchi.

 Al termine della
giornata i convittori hanno potuto evidenziare ancor di più il grande valore
che questa iniziativa progettuale riveste sotto molteplici aspetti, non
soltanto per loro e per tutti gli studenti che negli anni usufruiscono con
continuità di questo privilegio, ma anche per le comunità di Friulani
all’estero che vedono rinsaldati i rapporti con la loro terra natia, e per le
Istituzioni territoriali che vedono aumentare sempre più l’interesse per questa
particolare iniziativa di integrazione in ambito internazionale.

Da sottolineare infine le numerose richieste di partecipazione
pervenute per la tredicesima edizione del Progetto da avviare nell’anno
scolastico 2013/2014, che come sempre il “Paolo Diacono”, con la collaborazione
dell’Ente Friuli nel Mondo, cercherà di soddisfare quanto più possibile.

 

                                                                                                              
Giancarlo Scoyni

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.