La Provincia di Udine vicina ai Friulani d’Argentina

La Provincia di Udine sempre vicina alle comunità friulane nel mondo. Nel corso della sua ultima visita in Argentina il Presidente della Provincia di Udine, on. Pietro Fontanini, ha assistito alla presentazione delle ultime realizzazioni rese possibili grazie a finanziamenti dell’ente di area vasta e che riguardano l’ampliamento della sede della Casa di Riposo di Colonia Caroya (padiglione femminile) e la ristrutturazione della sede del Fogolâr Furlan di Buenos Aires, il più antico dell’America Latina.
Molto sentita, in particolare, la cerimonia per la scoprimento della targa che ricorda l’intervento dell’amministrazione provinciale nella casa di riposo di Colonia Caroya, nata grazie al lascito del benemerito Domenico Facchin. Suor Giulia Di Beco, direttrice dell’istituzione, ha evidenziato come le condizioni economiche dell’Argentina oggi non consentano interventi pubblici a favore delle istituzioni religiose. Anche la solidarietà dei privati non riesce a sopperire alle tante necessità delle fasce più deboli ed emarginate delle popolazione, specie anziane. Di qui il sentito riconoscimento per il contributo concesso dalla Provincia che consente di ospitare nella struttura ben trenta anziani, undici donne e diciannove uomini, molti dei quali di origine friulana, ma anche la richiesta di un ulteriore sforzo finanziario presentata anche al Presidente della Regione, on. Renzo Tondo, pure presente a Colonia Caroya, per la realizzazione di due nuovi interventi da destinare ad asilo notturno e all’ospitalità di altre coppie d’anziani.
Un ponte che si consolida di giorno in giorno dunque quello tra la Provincia di Udine e la comunità friulana in Argentina. «Non è la prima volta che vengo qui – ha ricordato Fontanini – e la cosa che continua a colpirmi è il fatto che di fronte a me ci sono, per la maggior parte, persone che in Friuli non ci sono mai state ma che parlano perfettamente in friulano. Oggi, dunque, è per me davvero un onore poter confermare l’impegno dei confronti dei questa comunità da parte della Provincia».
Il Presidente del Fogolâr furlan di Buenos Aires, Emilio Crozzolo, con i componenti del direttivo, ha presentato poi a Fontanini la ristrutturata sede del Fogolâr di Buenos Aires: una struttura moderna e funzionale dotata di una grande sala per riunioni e conferenze, una ricca biblioteca, il centro culturale friulano nonché alcuni locali destinati ad attività sportive e ricreative. Sono centinaia i soci che frequentano la sede, luogo d’incontro e di socializzazione, ma anche dimora delle più lontane memorie del sacrificio e della nostalgia che sempre hanno segnato l’emigrazione dei friulani. Da qui la scelta del presidente Fontanini, di far intervenire la Provincia per conservare e valorizzare la più antica e rinomata "ambasciata" friulana nella capitale argentina.

 

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.