1.300 persone per il grande abbraccio fra i Fogolârs e le Istituzioni

«Grazie all’azione dei nostri parlamentari e al lavoro della Regione,
il Friuli Venezia Giulia nel 2009 sarà il leader del forum di tutti gli
imprenditori italiani nel mondo». Queste parole di Renzo Tondo hanno
chiuso la parte ufficiale del grande incontro annuale di Friuli nel
Mondo che si è tenuto domenica 3 agosto a Meduno. Una dichiarazione che
corona il lavoro che in questo ultimo periodo Ente Friuli nel Mondo sta
portando a termine grazie alla nuova conduzione affidata a Giorgio
Santuz. «Quello che facciano – ha dichiarato il presidente di Friuli
nel Mondo rivolgendo i suoi saluti alle migliaia di persone convenute a
Meduno – è cercare di tenere unito il vasto mondo dei friulani: dagli
anziani alle nuove generazioni, ai nuovi emigrati». Un impegno per il
quale Santuz ha richiesto l’assistenza della Regione Fvg ribadendo la
volontà di rinnovamento generazionale che si sta compiendo nei Fogolârs
e nelle comunità all’estero. Santuz ha chiesto alla Regione Fvg una
particolare attenzione per i corregionali che vivono in nazioni nelle
quali le difficoltà economiche sono particolarmente drammatiche.
All’incontro
di Meduno erano presenti, accanto al sindaco Lino Canderan e al
vicepresidente di Friuli nel Mondo PierAntonio Varutti, c’erano il
presidente della Fondazione Crup Silvano Antonini Calderin, gli
onorevoli Ferruccio Saro, Flavio Pertoldi, Isodoro Gottardo,
l’assessore regionale Claudio Violino, il consigliere Franco Dal Mas.
Con loro Marcus Maurmair assessore provincia Pordenone, Fabio Marchetti
vicepresidente della provincia di Udine, il vescovo di Concordia
Pordenone Ovidio Poletto e numerosi sindaci della pedemontana
pordenonese.
Particolarmente sentito il discorso del sindaco che
ha ricordato i valori che friulani hanno portato con loro: «Il mondo
friulano ha messo radici nelle varie nazioni con umiltà e generosità
rispettando e facendosi rispettare. Un atteggiamento che dovremmo
recuperare oggi nell’accogliere chi fugge da situazioni di crisi
internazionale» ha dichiarato Canderan mentre per Silvano Antonini
Calderin: «C’è una nuova attenzione nei confronti della friulanità, i
tempi sono cambiati: questa è anche una risposta alla globalizzazione».

Sono seguiti i saluti di Fabio Marchetti, di Enrico Gherghetta, di
Marcus Maurmair che hanno anticipato il saluto di Renzo Tondo: «Questo
è un appuntamento di grande significato – ha dichiarato il presidente
della Regione Fvg – che segna un ritorno alle radici. I corregionali
all’estero sono i migliori ambasciatori della nostra cultura, del
nostro modo di essere». A conclusione del suo saluto Tondo ha ricordato
che, appunto, il Friuli Venezia Giula giuderà nel 2009 il forum di
tutti gli imprenditori italiani nel mondo.

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.