Il 2 ottobre è stato inaugurato il Fogolar Furlan di Costanza in Romania

Costanza, seconda città della Romania e capoluogo dell’omonimo distretto è situata sulla sponda occidentale del Mar Nero. Ospita il secondo porto in Europa dopo Rotterdam ed è un centro industriale e turistico di grande rilevanza. Nelle sue vicinanze si trovano le celebri terme che, insieme alle lunghe spiagge, attraggono ogni anno milioni di turisti. Da qualche anno la città è divenuta il polo di attrazione anche per un nutrito e qualificato gruppo di friulani presenti sul territorio della Regione di Costanza con alcune iniziative imprenditoriali e supportati in loco dall’udinese Marco Perizzolo fondatore del neocostituito Fogolâr Furlan. I soci attualmente sono venti e possono contare sulla collaborazione di amici veneti e simpatizzanti rumeni.
Santuz, Perizzolo e Ambasciatore in Romania
L’inaugurazione del Fogolâr è stata preceduta da un incontro ufficiale nella residenza dell’Ambasciatore d’Italia a Bucarest, S.E. Mario Cospito. L’Ambasciatore nell’elogiare la lodevole iniziativa dei friulani di Costanza, ha esaltato con parole di stima i valori e le virtù della grande comunità dei friulani all’estero già lungamente apprezzati nello svolgimento dei suoi incarichi diplomatici in Sud Africa e in Canada. Nello specifico, il dott. Cospito ha evocato le sempre amichevoli e proficue relazioni con il Fogolar Furlan di Umkomaas, sorto a supporto delle moltissime famiglie della Bassa Friulana emigrate in quel lembo di terra africana per costruire e lavorare nel famoso stabilimento della Saiccor, e con la Famee Furlane di Toronto e i Fogolârs di Vancouver e di Montreal. Il Presidente Santuz dopo avere illustrato all’Ambasciatore la nuova politica d’azione intrapresa dall’Ente a livello mondiale, a sostegno non solo dell’emigrazione di ultima generazione ma anche di tutta la friulanità organizzata, ha definito prioritario, non solo per l’Ente ma anche per l’intero sistema della Regione Friuli Venezia Giulia, il campo d’azione nell’Europa allargata ad est ed in Romania in particolare, e ha espresso la volontà di farsi portavoce in sede regionale delle istanze emerse durante gli incontri istituzionali rumeni. Emblematica in questo senso proprio l’esperienza del dott. Marco Perizzolo il quale ha sottolineato all’Ambasciatore come il proprio ingresso in Romania sia stato il traino per altri corregionali attratti da concrete prospettive di crescita umana e professionale. Il programma ha previsto successivamente un incontro conviviale allargato che ha visto la partecipazione di qualificati rappresentanti del mondo istituzionale ed economico di Bucarest, tra i quali, l’addetto culturale dell’Ambasciata italiana, Alberto Del Degan, i rappresentanti della Camera di Commercio e Industria della Romania, della Camera di Commercio Italo-Romena, il direttore dell’ICE Mario Iaccarino ed il prof. Nicolae Luca Presidente dell’Associazione dei Friulani in Romania di Bucarest e massimo esperto delle vicende dell’emigrazione friulana nel’Est Europa.
FOTO GRUPPO A BUCAREST
FOTO GRUPPO A COSTANZA
Il successivo trasferimento a Costanza ha permesso al Presidente Santuz di constatare in prima persona la credibilità e la rilevanza acquisite dall’attivissima comunità friulana in seno al mondo istituzionale ed economico della città rumena. La cena d’inaugurazione organizzata dal Presidente Marco Perizzolo ha riunito in un’atmosfera di cordiale e genuina friulanità una folta rappresentanza dei soci fondatori, tra i quali Alessandro Fuccaro, originario di Udine e funzionario di un gruppo bancario internazionale, Luca e Michele Cossa, Enrico Nicli, Lucio Patriarca e Giovani Lombardi tutti imprenditori.
Particolarmente significativo ed apprezzato anche l’intervento degli amici e simpatizzanti rumeni, Anca Pioara, Angel Aurelian e Florin Niculescu che memori di precedenti esperienze in terra friulana hanno testimoniato la vicinanza e l’affinità non solo storico e culturale che lega le due comunità ma soprattutto la comune dedizione al lavoro ed il desiderio di sviluppare in futuro collaborazioni e progetti condivisi. E’ da questo stimolo che trarrà origine prossimamente, sotto l’egida dell’Ente Friuli nel Mondo, l’organizzazione di un evento in Romania che vedrà come dirette protagoniste le rappresentanze economico istituzionali del Friuli e l’appendice friulana a Costanza. Al termine del rituale scambio di doni e delle prime foto ufficiali, un brindisi a base di grappa naturalmente friulana ha battezzato la nascita del Fogolâr e "benedetto" tutti i presenti.

 

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.