Gemellaggio Buja Domont

Domenica 14 giugno la città di Domont si é vestita di festa per finalizzare il gemellaggio con Buja.
Dopo la messa, guidato, dalla Banda di Buja e dai sindaci di Domont , Buja, Shepshed (Inghilterra), Germering (Germania) e Wolsztyn (Polonia), i numerosi partecipanti si recano in un lungo corteo alla rotonda:"Rond Point de Germering" per l’inaugurazione del""Maibaum"( Albero di maggio, simbolo di fecondità e del risveglio della natura) al suono dell’inno tedesco.interpretato dalla Banda di Buja. In seguito la lunga fila riparte verso la rotonda :"Rond point du 4 août", ribattezzata per la circostanza:"Rond Point de Buja"al suono dell’Inno di Mameli e della Marsigliese. Poi avenne l’evento gemmellaggio Buja Dumontpiù commovente delle cerimonie quando Luca Marcuzzo sindaco di Buja e Jerôme Chartier deputato e sindaco di Domont scoprono la statua dell"Emigrante",molti partecipanti asciugano qualche lacrima. Nei loro discorsi i due Sindaci evocano la storia di tutte le immigrazioni venute nella regione e mettono in rilievo la contrbuzione di questa gente allo sviluppo economico della regione e anche della Francia. Conclusa questa cerimonia il corteo si reca nel parco del municipio per la piantagione dell’albero dell’amicizia,mentre, nel cielo volano 95 colombe (95 é il numero della Provincia Val d’Oise). Poi segue l’ultima fase delle cerimonie: La firma del Protocollo ufficiale del Gemellaggio e lo scambio dei regali tra i Sindaci dei cinque paesi presenti. Dopo l’ultima sosta davanti al Municipio per assistere al calo delle bandiere. al suono della Marsigliese interpretata dalla "Fanfare de la Gendarmerie" i presenti si rtrovano nell’ampia sala municipale ove é servito un apprezzatissimo rinfresco. Verso l’ una e mezza le personalità e gli invitati s’avviano verso la palestra del Liceo di Domont per il pranzo ufficiale che conclude questo bello e importatnte evento.

gemmellaggio Buja Dumont
L’idea d’erigere una statua in omaggio, non solo ai nostri emigranti, ma a tutte le emigrazioni é stata lanciata dal Fogôlar di Domont (AFFI: Association France Friuli Italie).
Quando il presidente Daniel Papinutto ha sottoposto il progetto a Jerôme Chartier, ha ricevuto un caloroso consenso e con di più il Sindaco ha detto che il Comune prende a suo carico la metà della spesa del monumento. Per l’altra metà l’AFFI ha lanciato una sottoscrizione che é stata accolta con grande generosità e simpatia nella città di Domont e oltre.

gemmellaggio Buja Dumont

Il nostro amico Romano Rodaro, specialista della storia dell’emigrazione friulana nelle fornaci, commentando questa solidarietà dice, scherzando, che i primi friulani quando scrivevano ai famigliari rimasti in Friuli scrivevano DOMON (in francese non si pronuncia laT) e DOMON é l’anagramma di MODON. Coincidenza o premonizione? Ognuno sceglierà.

Miani Piergiorgio

Condividi
Accetto.
Questo sito fa uso di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione e per fornire funzionalità aggiuntive. Si tratta di dati del tutto anonimi, utili a scopo tecnico o statistico, e nessuno di questi dati verrà utilizzato per identificarti o per contattarti. Cliccando il bottone Accetto, confermi il tuo consenso a questo sito di salvare alcuni piccoli blocchi di dati sul tuo computer. L'informativa è disponibile in questa pagina.